Come le radici

 
In questi tempi difficili e incerti, le radici continuano a crescere, di pochi millimetri al giorno, perseveranti e fiduciose nel futuro. Se non riescono a trovare nutrienti, li ricevono dagli alberi più fortunati, grazie alla rete di funghi che collega sottoterra tutte le piante, una sorta di internet micelica che non conosce nazioni o confini.

Cerchiamo di prendere esempio da questi esseri viventi che, sbagliando, continuiamo a considerare inferiori: un giorno alla volta, un passo alla volta, comportandoci in modo responsabile e dandoci una mano a vicenda, supereremo anche questa crisi.

Nel frattempo, nel mio piccolo, spero di aiutarvi a sconfiggere la noia di queste giornate in isolamento, condividendo con voi, gratuitamente, il primo capitolo di Radici.

Ho disegnato queste tavole nel lontano 2013, spero possiate perdonare qualche incertezza grafica e godervi comunque l'inizio di questo thriller ecologico e psicologico, i cui misteri saranno svelati solo a chi avrà il coraggio di addentrarsi nel bosco, nel corso degli altri otto capitoli.

Nel caso voleste sapere cosa hanno in serbo le piante per Giano e tutti gli altri, dopo l'ultima tavola troverete il pulsante per acquistare i tre volumi in digitale (le spedizioni delle ultime copie cartacee disponibili sono SOSPESE, per ovvi motivi) a un prezzo ulteriormente scontato (dimezzato!).

In ogni caso, spero che questo capitolo possa distrarvi per un po' dalla situazione attuale e allo stesso tempo aiutarci a riflettere sul fatto che per uscire da una crisi è inevitabile cambiare.

Buona lettura!