Gerenzone


Da quando sono nato, quasi ogni giorno, attraverso un piccolo ponte di asfalto.

Il Gerenzone, uno dei tre torrenti che solcano Lecco, scorre sotto i miei piedi e fugge verso il lago. Nel trio acquatico lecchese, el cavalier Gerenzon è il fiume più in forma, quello che resiste con più tenacia all'inquinamento; probabilmente solo all'apparenza, in virtù del suo corso movimentato. Usato come fonte energetica e scarico per ogni tipo di attività industriale, il torrente non deve essere molto in salute.

Ma sto divagando. Oltre il ponte il Gerenzone viene nascosto da una serie di case umide e malridotte, che chiudono l'orizzonte, impedendoci di seguire il corso del fiume. E lui ne approfitta per nascondersi nel sottosuolo, tornando alla luce solo quando sfocia nel lago.

È un piccolo scorcio urbano che per qualche ragione mi ha sempre affascinato e finalmente eccolo qui, su carta (o su schermo, per voi).

Probabilmente sarà uno degli ultimi, se non l'ultimo, disegno nello stile de I Palazzi per qualche tempo. La nuova storia richiede un segno completamente differente.
Diciamo che è una sorta di arrivederci.

In realtà ho in mente anche un'applicazione più tangibile, ma vedremo se il disegno si adatterà o se, come il fiume, scomparirà nel sottosuolo per dirigersi dove preferisce, indisturbato.

Commenti

Anonimo ha detto…
oooooo finalmente un po' di vita in questo blog.....guarda che sono bloccata in casa DA GIORNI con le malattie "teoriche" che devo studiare e una bronchite fin troppo reale...mi serve uno svago!!!!!
bellissimo il disegno...ed è bello vedere su carta quacosa di familiare!
adesso sono curiosa di vederti cimentare con un nuovo stile ed una nuova storia!!!
aggiorna più spesso disgraziato!!!
ciao a ciao
giulia
Anonimo ha detto…
Ma che bello colorato!!!
e finalmente,hai realizzato il sogno del disegno,che aspettava i colori da un po'!
bellissimo davvero,come sempre:)
e dopo una giornata a fissar sassi,fa piacere vedere qualcosa di diverso XD
un abbraccio
Carla
Gio' ha detto…
Grazie ragazze,sono il consolatore delle studentesse compulsive ;)
Kant ha detto…
Bel disegno!
Le studentesse non guardano fuori dalla finestra il panorama ma lo guardano al computer.. mistero!!
Claudio Cerri ha detto…
Che bel quadro, perchè alla fine di un quadro si tratta! Sono molto curioso di vedere che direzione intraprenderai con la nuova storia...
Gio' ha detto…
Grazie Claudio...ma è solo una piccola illustrazione :)

Appena avrò qualcosa di presentabile lo posterò...