Steady as she goes

Dopo la breve parentesi su lavori altrui, rieccomi a parlare dei fatti miei.

E anche il terzo capitolo è finito!

Un pizzico in ritardo rispetto ai programmi, ma le emergenze lavorative hanno la precedenza.
A ogni modo, più o meno a metà del capitolo troviamo una piccola storia nella storia, di cui potete leggere la prima tavola qua sotto.


Dopo una manciata di giornate piovose è tempo di immergersi nell’atmosfera successiva, mentre il finale inizia a intravedersi, lontano, dove i palazzi si abbassano e diradano fino a sparire.

Il countdown qui a lato resterà immutato per qualche settimana, ma non preoccupatevi, non sto bighellonando. Sfrutterò questi giorni invernali e poco luminosi per portarmi avanti con le matite, in attesa di tornare a colorare con condizioni atmosferiche migliori.

A presto.

Commenti

Anonimo ha detto…
il realtà vai in letargo! eheh
Kant ha detto…
Post molto star trek. XD

La domanda che sorge spontanea è: la luce artificiale non ti può venire in aiuto durante le uggiose giornate invernali?

O hai paura della famigerata metameria che attanaglia il lavoro di qualsiasi artista??

Guarda te che commento forbito.
Gio' ha detto…
In realtà vivo in una grotta senza corrente elettrica... il computer va perchè ho ficcato la spina per terra, vecchia pubblicità dell'Enel docet. XD

Scherzi a parte, colorare con la luce artificiale non è il massimo, con gli acquerelli è ancora peggio. Credi di aver fatto dei colori e poi ti ritrovi con tutt'altro.

Una cosa molto simpatica.

Torno al letargo.
SARA ha detto…
scusa giovanni ma io sono capitata qui per caso e sto impazzendo perchè ho appena finito di vedere mulholland drive e sto cercando di capire qualcosa informandomi ma il mio cervellino non ce la fa....non capisco chi cazzo sono i winkies????
scrivi a questa mail:sarazanasi@gmail.com
grazie
sara
Gio' ha detto…
Ehm... ciao Sara.

Su wikipedia trovi le possibili interpretazioni del film e anche quella a cui accennavo io nel post di qualche mese fa.

Credo che Lynch abbia ricavato il nome Winkies per la catena di fast food dal mago di Oz.

Giorgio
Flo ha detto…
Ciao Giorgio come va?
Sono Floriano, ho appena scoperto il tuo sito.
Complimenti per le tavole...
se ti capita di fare un salto sul mio blog, lascia pure qualche commento...
:-)
Ciao
florianobandera ha detto…
http://florianobandera.blogspot.com
A presto
Gio' ha detto…
Ciao Floriano,io tutto bene, tu?
Nemmeno io sapevo avessi un blog con i tuoi lavori! Adesso passerò spesso per tenermi aggiornatoì ;-)
A presto.